#QuartoGiornoGMG

Quarto Giorno GMG 2016Il grande giorno è arrivato, la GMG può iniziare anche per noi. Dopo una colazione continentale, la messa in croato, si può partire alla volta del Campus Misericordiae. Il cammino è diventato luogo di incontro, durante il quale abbiamo sperimentato il senso della GMG. Nel tardo pomeriggio, arriva il momento tanto atteso. Quello del Papa. Le sue parole sono arrivate dritte al cuore con una certa puntualità. “La nostra risposta a questo odio ha un nome
:si chiama fraternità.” In quei minuti è riuscito ad insegnarci che noi giovani dobbiamo lasciare le ancore che ci tengono fermi e vincolati, e rischiare perché dobbiamo guarire da ciò che lui ha chiamato “la paralisi del divano” attraverso la quale crediamo di essere felici. Noi dobbiamo rischiare perché “chi non rischia, non vince”. Dobbiamo costruire ponti più che alzare muri e il primo passo per farlo è stringersi la mano l’uno con l’altro.
Dopo queste parole emozionanti la veglia è stata arricchita da testimonianze, canzoni, emozioni e mille luci. Ed è proprio in ognuna di queste luci che si è visto una fede ancora viva tra i giovani che non hanno perso la retta via, nè sono alla sbando, ma hanno bisogno di qualcuno che li ami e che loro possono amare, una bella alternativa al divano

Arianna e Paolo
Gruppo GMG – Potenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *